Skip to content

Congedi per i genitori adottivi o affidatari

I genitori adottivi e i genitori affidatari hanno diritto alle stesse condizioni dei genitori naturali per congedi di maternità, di paternità e  parentali. Indipendentemente dall’età del bambino adottato o preso in affido.

La norma è stata introdotta dalla Finanziaria 2008; la circolare dell’Inps del 4 febbraio 2008 ha chiarito le modalità di fruizione dei congedi.

Qui il testo della circolare

In sintesi:

Chi adotta un bambino ha diritto a un congedo di cinque mesi a partire dall’ingresso del bambino nel nucleo familiare; in caso di adozione internazionale, è possibile fruire del congedo anche in anticipo, durante il periodo di permanenza all’estero necessario in questi casi.

Chi prende un bambino in affido ha diritto ad un congedo di tre mesi, di cui puo’ fruire entro cinque mesi dall’inizio dell’affido.

Di questi congedi può fruire la madre oppure il padre.

I genitori adottivi o affidatari possono usufruire del congedo parentale (lo stesso dei genitori naturali) entro otto anni dall’ingresso del minore adottato o in affido nella famiglia, oppure fino alla maggiore età del bambino se questa viene raggiunta prima.

Le nuove disposizioni si applicano sia per i minori adottati dall’1 gennaio 2008 sia per quelli adottati nel 2007, purché tuttavia si richieda il congedo entro i cinque mesi dall’inizio dell’adozione o dell’affido.

Approfondimento:il ddl per il riordino dei congedi di maternità e parentali

 

1 commento

  1. Salve borrei sapere, oltre ai 5 mesi di congedo di maternita’, a cos’altro si ha diritto, anche con retribuzione ridotta, nel caso in cui si adotti un bambino (indipendentemente dalla sua eta’)


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Uneba Lombardia fa ricorso contro la delibera della Regione sul blocco rette

Uneba Lombardia ha predisposto ricorso avverso la delibera della giunta regionale della Lombardia 1513/2023,e in particolare il punto
Leggi di più

Tariffe Rsa, il no di Uneba Piemonte al Patto proposto dalla Regione

“La remunerazione tariffaria dalla Regione Piemonte proposta non è compatibile né tantomeno sufficiente per garantire un modello di
Leggi di più

Samaritanus Care: ecco come gli enti Uneba possono trovare infermieri

Da lunedì 4 marzo 2024 gli enti associati Uneba e gli enti associati Aris hanno una nuova opportunità,
Leggi di più

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative con Uneba Lombardia

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative. Ne sono fondatori Liuc Business School, Federazione Cure Palliative ed Uneba Lombardia Obbiettivo dell’Osservatorio
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Sponsor