Skip to content

Congedi per i genitori adottivi o affidatari

I genitori adottivi e i genitori affidatari hanno diritto alle stesse condizioni dei genitori naturali per congedi di maternità, di paternità e  parentali. Indipendentemente dall’età del bambino adottato o preso in affido.

La norma è stata introdotta dalla Finanziaria 2008; la circolare dell’Inps del 4 febbraio 2008 ha chiarito le modalità di fruizione dei congedi.

Qui il testo della circolare

In sintesi:

Chi adotta un bambino ha diritto a un congedo di cinque mesi a partire dall’ingresso del bambino nel nucleo familiare; in caso di adozione internazionale, è possibile fruire del congedo anche in anticipo, durante il periodo di permanenza all’estero necessario in questi casi.

Chi prende un bambino in affido ha diritto ad un congedo di tre mesi, di cui puo’ fruire entro cinque mesi dall’inizio dell’affido.

Di questi congedi può fruire la madre oppure il padre.

I genitori adottivi o affidatari possono usufruire del congedo parentale (lo stesso dei genitori naturali) entro otto anni dall’ingresso del minore adottato o in affido nella famiglia, oppure fino alla maggiore età del bambino se questa viene raggiunta prima.

Le nuove disposizioni si applicano sia per i minori adottati dall’1 gennaio 2008 sia per quelli adottati nel 2007, purché tuttavia si richieda il congedo entro i cinque mesi dall’inizio dell’adozione o dell’affido.

Approfondimento:il ddl per il riordino dei congedi di maternità e parentali

 

1 Comment

  1. Salve borrei sapere, oltre ai 5 mesi di congedo di maternita’, a cos’altro si ha diritto, anche con retribuzione ridotta, nel caso in cui si adotti un bambino (indipendentemente dalla sua eta’)


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care