Come offrire assistenza spirituale agli ospiti di Rsa ora che, per proteggere dal Coronavirus, anche ai sacerdoti è impedito l’ingresso in struttura?

In una lettera ai direttori degli ospedali e delle Rsa della sua diocesi, il vescovo di Bergamo mons. Francesco Beschi suggerisce alcune vie

  1. la trasmissione della voce del cappellano  via impianto audio ad operatori e ospiti, naturalmente nel rispetto delle diverse sensibilità
  2. una piccola “benedizione” impartita dall’operatore stesso
  3. la “confessione di desiderio”, con cui la Chiesa offre il perdono dei peccati e la grazia di Dio a ogni fedele che, desiderando il perdono di Dio, sia impossibilitato ad avvicinare un sacerdote per i sacramenti

Leggi la lettera del vescovo di Bergamo mons.Francesco Beschi ai direttori di rsa e ospedali, con Allegato 1 e Allegato2 (si scarica una cartella compressa.zip contenente i documenti)