La Congregazione delle Suore Serve della Divina Provvidenza nell’Istituto San Giuseppe di Catania, associato Uneba, ha sviluppato, con il finanziamento della Cei, il progetto “Semi di accoglienza” per la formazione e l’inserimento lavorativo di 20 donne minorenni (ragazze madri o altre giovani in difficoltà) all’anno per un periodo complessivo minimo previsto di 10 anni.

Le giovani lavorano in un laboratorio di sartoria e in un laboratorio di pasta fresca e così si preparano ad un graduale inserimento nel mondo del lavoro al termine del percorso di tutela del Tribunale o dei Servizi Sociali vissuto  all’interno delle strutture di accoglienza.

“Il progetto – racconta Avvenire – consentirà di assimilare tecniche di base per la lavorazione e una cultura d’impresa sociale, attraverso non solo la creazione di un negozio per la vendita diretta dei prodotti di pasta fresca (maccheroni, tortellini, lasagne e tagliatelle), affidato ad una Cooperativa di tipo B di nuova costituzione, formata dalle stesse donne in condizioni di disagio coinvolte nel progetto, ma anche di un canale di commercializzazione con filiera corta con prenotazioni e consegna domiciliare”.

Ne parla anche Città Nuova.