Skip to content

Cambiano rette e standard di personale per i centri diurni per disabili in Veneto

Cambiano le rette e gli standard di personale per i centri diurni per persone con disabilità in Veneto.

A stabilire le novità è la delibera della giunta regionale 740 del 14 maggio 2015, pubblicata sul Bur del 29 maggio 2015.

Le nuove rette

  • Livello assistenziale basso: euro 61 al giorno, di cui euro 41,18 di quota sanitaria
  • Livello assistenziale medio: euro 83,5 al giorno, di cui euro 56,36 di quota sanitaria
  • Livello assistenziale alto: euro 121 al giorno, di cui euro 81,68 di quota sanitaria

La quota sanitaria, viene rimodulata – cioè aumenta o diminuisce – in caso di frequenza a tempo prolungato (più di 35 ore alla settimana), part time, assenze, frequenza contemporanea di centro diurno e comunità alloggio o comunità residenziale.

I nuovi requisiti di personale

  • 1 unità di personale con funzione di assistenza socio-sanitaria (oss) ogni 7 ospiti con basso bisogno abilitativo-assistenziale rilevato con SVaMDi;
  • 1 unità di personale con funzione di assistenza socio-sanitaria ogni 5 ospiti con medio bisogno 
  • 1 unità di personale con funzione di assistenza socio-sanitaria ogni 2 ospiti con alto bisogno 
  • 1 educatore-animatore ogni 10 ospiti

“Per particolari situazioni – si legge nella delibera –  le Ulss sono autorizzate a consentire la sostituzione – di concerto con l’ente gestore – delle figure assistenziali o educative con personale infermieristico a parità di spesa. L’equivalenza assistenziale è definita con 0,92 figure infermieristiche per OSS e 0,95 figure infermieristiche per educatore.

Le Ulss sono autorizzate a consentire la sostituzione – di concerto con l’ente gestore e nel limite del 20% – delle figure assistenziali con quelle educative e viceversa a parità di spesa. L’equivalenza assistenziale è definita con 0,92 figure educative per OSS e 1,09 OSS per figure educative”.

 I cambiamenti introdotti dalla dgr 740 riguardano anche la definizione delle attività delle prestazioni del centro diurno, compresi trasporto e vitto; i requisiti per l’accreditamento; lo schema di rilevazione dei dati da comunicare alla Regione.

Le novità entreranno in vigore dal 2016 in poi, “con progressività e coordinatamente con la definizione del Fondo Regionale per la Non Autosufficienza”. Entro 120 giorni il Direttore Generale dell’Area Sanità e Sociale dovrebbe emanare un decreto con le direttive tecniche per il passaggio alle nuove regole.

 Lo stesso decreto, si legge nella dgr 740, dovrà contenere anche “disposizioni per la costituzione di un tavolo di lavoro per il monitoraggio dell’applicazione della retta tipo dei Centri diurni (…) la definizione di indicazioni volte alla possibile prosecuzione, sentita la UVMD, di progetti già attivati per persone con disabilità al compimento del 65° anno di età; la valutazione e l’accoglimento delle proposte pervenute dalle associazioni degli enti gestori (…)”.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Management del sociosanitario cattolico, corso Lumsa con Uneba

Al via venerdì 11 ottobre 2024  a Roma il Corso di formazione in “Management dei servizi sociali e
Leggi di più

Imu enti non commerciali: scadenza domenica 30 giugno 2024

Il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 24 aprile 2024 ha confermato l’obbligo dell’invio della dichiarazione
Leggi di più

Gentilezza verso gli anziani – Vince Fondazione Germani, associato Uneba Lombardia

Che volto ha le gentilezza nel nucleo Alzheimer di una Rsa? “Amare il prossimo, educazione, saper ascoltare, sorriso,
Leggi di più

Enti per minori: Uneba propone di costruire coordinamenti nelle regioni

“Ci lasciamo con l’impegno a cominciare a costruire nelle Regioni i coordinamenti, e poi un coordinamento nazionale”. Così
Leggi di più

Uneba lancia un’alleanza tra gli enti per il benessere di bambini e ragazzi

Creare un coordinamento degli enti per bambini e ragazzi in Campania, e poi in tutta Italia, per condividere
Leggi di più

Il convegno Uneba di Napoli su Avvenire

L’efficace azione dei centri diurni Uneba a Napoli; l’attenzione alle cura e  al rispetto del Centro Giovani di
Leggi di più

Le nuove Linee di indirizzo per le Comunità per i Minorenni

Sono le Linee di Indirizzo per l’accoglienza nei servizi residenziali per i Minorenni il cuore dell’intervento di Gianni
Leggi di più

Il Gruppo Crc per la tutela dei diritti dei minori

“Gli Enti del Terzo Settore come osservatorio diffuso per la tutela e per il monitoraggio dei diritti dei
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care