Skip to content

Approvata la legge su cure palliative e terapia del dolore

Il Parlamento ha approvato in via definitiva martedì 9 marzo la legge sulle cure palliative e la terapia del dolore. Il voto finale alla Camera è stato praticamente unanime: 476 favorevoli e 2 astenuti.

Qui il testo della legge, che mira anzitutto a “tutelare il diritto del cittadino ad accedere alle cure palliative ed alla terapia del dolore” all’interno dei Lea.

Attuare questa legge è adempimento obbligatorio per le Regioni per poter accedere al finanziamento statale per il sistema sanitario.

E’ prevista nel triennio 2010 2012 la realizzazione a cura del Ministero della Salute di campagne informative sui criteri di accesso a cure palliative e terapia del dolore.

Vengono attivate due Reti, nazionale e regionale, per collegare tutte le strutture che erogano queste cure e le figure professionali in esse impegnate. A questo scopo, entro tre mesi dall’entrata in vigore della legge dovranno essere definiti i requisiti minimi e le modalità organizzative necessari per l’accreditamento delle strutture coinvolte.

Verrà definito inoltre un sistema tariffario di riferimento per le attività erogate dalle due Reti per superare le difformità attualmente presenti da regione a regione e garantire una omogenea erogazione dei Lea.

La nuova legge stabilisce che nelle cartelle cliniche dovranno essere sempre riportati le caratteristiche del dolore provato e le terapie per lenirlo.

Presso il Ministero della salute è attivato il monitoraggio per le cure palliative e per la terapia del dolore connesso alle malattie neoplastiche e a patologie croniche e degenerative.

Viene semplificata la modalità di prescrizione dei farmaci per il dolore severo.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care