Skip to content

Appello Uneba a Governo e Parlamento: rischio crisi e licenziamenti nei servizi residenziali per anziani e persone fragili

COMUNICATO STAMPA

SOSTENERE LE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E ALTRE PERSONE FRAGILI: INDISPENSABILE PER LA SALUTE DEI PIÙ DEBOLI E PER EVITARE CHIUSURE E LICENZIAMENTI
Uneba concorda con la Corte dei Conti: senza investimenti sul territorio, siamo più fragili contro il Covid19. E lancia un appello a Governo e Parlamento: modifichiamo l’articolo 48 del Cura Italia

Roma 8, giugno 2020 – L’ha chiarito la Corte dei Conti: la carenza di investimenti sulle strutture territoriali ha reso l’Italia più fragile di fronte al Covid19. I primi a pagare le conseguenze di questa fragilità sono stati proprio le donne e gli uomini di queste strutture: anzitutto le persone ospiti, ma senza dimenticare lavoratrici e lavoratori. (In appendice il testo della Corte dei Conti)
Ora è tempo di imparare la dolorosa lezione di marzo, aprile e maggio 2020. Per non ripetere gli stessi errori.

Lo chiede, con un appello a Governo e Parlamento, il Comitato Esecutivo di Uneba, la più rappresentativa organizzazione di categoria del settore sociosanitario e assistenziale, con la forza di quasi 1000 enti associati in tutta Italia, quasi tutti non profit di radici cristiane.

PARI TRATTAMENTO PER STRUTTURE RESIDENZIALI E CENTRI DIURNI  Uneba rivolge un appello al Parlamento e al Governo perchè intervengano a sostegno del settore. Perché farlo significa intervenire a sostegno di anziani non autosufficienti, persone con disabilità, minori senza sostegno famigliare, persone con dipendenze, sofferenti psichici. E perché non intervenire significa indebolire l’Italia di fronte al Covid19 o ad altre epidemie.
Uneba chiede che le pubbliche amministrazioni corrispondano agli enti gestori dei servizi residenziali sociosanitari o assistenziali quanto avevano messo a bilancio di corrispondere loro prima dello scoppio della pandemia. Si tratta, in sostanza, di estendere alle strutture residenziali quanto l’articolo 48 della legge 27 del 24 aprile 2020 (conversione in legge del decreto Cura Italia) garantisce alle attività sociosanitarie e socioassistenziali nei centri diurni per anziani e persone con disabilità.

GLI ENTI HANNO AVUTO SPESE IMPREVISTE ED ENTRATE BLOCCATE – Del resto, la pandemia ha portato alle strutture residenziali – prime tra tutte quelle per anziani- un enorme peso di impegno e responsabilità.
Ha portato loro costi straordinari non previsti: l’acquisto di mascherine e DPI per personale e ospiti; l’adeguamento degli ambienti alle nuove norme; la necessaria formazione del personale; e, soprattutto, più ore di lavoro da dedicare alle persone accolte, per proteggerle dal Covid19.

Ha portato loro un calo delle entrate, per il blocco dei nuovi ingressi di ospiti. Che si somma a quote sanitarie, corrisposte dagli enti locali per ogni ospite, spesso da tempo ferme o inadeguate.
Vi si aggiunge un clima di sfiducia alimentato anche da scarsa conoscenza sul campo del settore dell’assistenza, specie non profit, o dal desiderio di scaricare sul settore colpe non sue.

MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO A RISCHIO – Se non si rinforzano le strutture sociosanitarie e socioassistenziali sul territorio, molto minore sarà la protezione che potranno offrire. E non solo. Non poche di queste strutture rischiano, in assenza di interventi, di cadere loro stesse vittime del Covid19. Di dover chiudere o ridimensionare le attività al servizio dei più fragili, con inevitabili conseguenze sui posti di lavoro.

DAL NORD AL SUD, PASSIVI E INCERTEZZE – Attraverso tutta Italia, dalle federazioni regionali Uneba arrivano testimonianze di difficoltà già presenti e di forte incertezza sul futuro, con molti enti non profit che prevedono di chiudere l’anno in passivo. Alcune regioni già prevedono situazioni drammatiche. Presto potrebbero arrivare le prime dichiarazioni di stato di crisi aziendale.

LA VOCE DELLA CORTE DEI CONTI
“Una adeguata rete di assistenza sul territorio – si legge nel “Rapporto 2020 sul coordinamento della finanza pubblica- Sintesi”  della Corte dei Conti – non è solo una questione di civiltà a fronte delle difficoltà del singolo e delle persone con disabilità e cronicità, ma rappresenta l’unico strumento di difesa per affrontare e contenere con rapidità fenomeni come quello che stiamo combattendo. L’insufficienza delle risorse destinate al territorio ha reso più tardivo e ha fatto trovare disarmato il primo fronte che doveva potersi opporre al dilagare della malattia e che si è trovato esso stesso coinvolto nelle difficoltà della popolazione, pagando un prezzo in termini di vite molto alto”.

1 Comment

  1. Buongiorno,
    FINALMENTE da Uneba una presa di posizione seria e corretta!
    Stanno distribuendo soldi a tutti, in maniera smodata e spessissimo ingiustificata.
    Per il mondo delle Fondazioni RSA …. ZERO!
    Da vergognarsi!

    GB Garza
    Presidente Fondazione Serlini
    Ospitaletto BS


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Veneto – Accreditamento strutture sociosanitarie, avviso straordinario

Regione Veneto apre una procedura straordinaria di accreditamento per le strutture sociosanitarie: per il rilascio  a soggetti non
Leggi di più

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care