Skip to content

Anche se i genitori sono separati, il bambino ha il diritto di incontrare i nonni materni e paterni

Uno dei principi cardine che regola la materia dell’affidamento del minore (quando i genitori si separano o divorziano), è il principio della bigenitorialità ossia riconoscere e soprattutto tutelare il diritto fondamentale del figlio a crescere con la presenza costante di entrambi i genitori, anche se questi sono separati o divorziati. Mantenere un buon rapporto con i genitori è, infatti, necessario per un sano ed equilibrato sviluppo del minore.           

Il concetto della bigenitorialità, tuttavia, non viene inteso in senso stretto, riferendosi solamente al rapporto tra genitori e figli. Invece si estende anche al rapporto che possono e devono avere i figli con le famiglie d’origine dei genitori e quindi in primo luogo con i nonni.

Un diritto riconosciuto da legge e giurisprudenza 

L’art. 155 del codice civile (così come modificato dalla l. 54/2006), infatti, riconosce al figlio minore il diritto “di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi (i genitori), di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi e di conservare rapporti significativi con gli ascendenti e con i parenti di ciascun ramo genitoriale”.           

Anche la giurisprudenza, oramai da anni, è concorde nel sottolineare che è importante per il minore, per una sua buona crescita, avere un costante contatto con i parenti più stretti. Conoscere le sue origini infatti permette al minore di esprimere il suo senso di appartenenza e soprattutto lo aiuta a costruire la propria identità.           

Questa sviluppo legislativo risulta essere particolarmente rilevante oggi; sempre più spesso, infatti, i genitori sono oberati dagli impegni, anzitutto il lavoro,  e i nonni si rivelano una salvezza per la famiglia, contribuendo in maniera rilevante all’educazione ad alla crescita dei nipoti.            

Il duplice valore del nonno/a, sia come contatto con le origini che come educatore del minore, ha trasformato il diritto che ha il minore di fare  visita ai nonni (e viceversa): non è più solo un interesse soggettivo, ma un vero e proprio diritto esplicitamente tutelato dalla legge; il nonno ha diritto anche di agire in giudizio, se necessario, per far valere questo diritto.           

Coma far valere il diritto di visita ai nonni?

Il riconoscimento in concreto di tale diritto, tuttavia, potrebbe non essere così semplice, poiché si inserisce in una fase critica della vita della famiglia, il momento della separazione, quando i genitori rischiano di non essere obiettivi nelle scelte da fare per il bene del figlio, compresa quella di permettere al figlio di mantenere saldo e stabile il rapporto con i nonni materni e paterni.

Il diritto di visita dei nonni che spetta al minore di norma viene riconosciuto nell’ambito della causa di separazione tra i coniugi quando il giudice  oltre che decidere in merito alla separazione deve dare le disposizioni anche per quanto riguarda la tutela e la crescita del figlio, sia da un punto di vista economico che (e soprattutto) da un punto di vista affettivo. Spetta al giudice, quindi, salvo un accordo tra le parti, stabilire le modalità di incontro del minore con i nonni.

avv. Paola Turri

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor