E’ stata approvata la manovra economica dal governo nazionale.

Tra le misure di interesse degli enti Uneba, il decreto legge 98/11 comprende la conferma anche per il 2012 della detassazione della parte di retribuzione legata alla produttività, anche se l’ammontate del sostegno verrà definito successivamente.

Recita infatti l’articolo 26 della manovra:

Per l’anno 2012 le somme erogate ai lavoratori dipendenti del settore privato in attuazione di quanto previsto da accordi o contratti collettivi aziendali o territoriali sottoscritti da associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente piu’ rappresentative sul piano nazionale e correlate a incrementi di produttivita’, qualita’, redditivita’, innovazione, efficienza organizzativa, collegate ai risultati riferiti all’andamento economico o agli utili della impresa, o a ogni altro elemento rilevante ai fini del miglioramento della competitivita’ aziendale, compresi i contratti aziendali sottoscritti ai sensi dell’accordo interconfederale del 28 giugno 2011 tra Confindustria, Cgil, Cisl, Uil e Ugl, sono assoggettate ad una tassazione agevolata del reddito dei lavoratori e beneficiano di uno sgravio dei contributi dovuti dal lavoratore e dal datore di lavoro.

Il Governo, sentite le parti sociali, provvede entro il 31 dicembre 2011 alla determinazione del sostegno fiscale e contributivo previsto nel presente comma nei limiti delle risorse stanziate con la legge di stabilita’ ovvero previste a tali fini dalla vigente legislazione.

Per usufruire della tassazione agevolata, dunque, saranno necessari accordi tra rappresentanze dei datori di lavoro e dei lavoratori, nazionali o territoriali. Del tipo quindi di quelli firmati nei mesi scorsi dalle federazioni regionali Uneba, e che sono riassunti qui.

La manovra è stata approvata nella forma del decreto legge: entro due mesi, quindi, dovrà essere convertita in legge dal Parlamento, che potrebbe anche introdurre modifiche.