sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Veneto – Come dovrebbero cambiare i servizi sociosanitari, e perché non riescono a cambiare

L’associato Uneba Veneto Oasi San Bonifacio, assieme alla cooperativa Promozione e Lavoro ha presentato venerdì 23 gennaio, durante il convegno “Chi paga il nuovo welfare?”, il frutto di un’indagine sui bisogni sociosanitari della popolazione delle province di Verona e Vicenza, e sulle azioni possibili a partire da questi bisogni.

Trovate qui sotto le slide della Sintesi dei risultati dell’indagine curata da Riccardo Fiorentini del dipartimento di Scienze economiche dell’Università di Verona e della relazione “Dalla ricerca all’azione: le ricadute sull’offerta di servizi sociali” di Andrea Lionzo del dipartimento di Economia aziendale dell’Università di Verona.

Ecco i contenuti in sintesi.

I servizi sociosanitari devono fare un passo avanti. L’attuale sistema di offerta è relativamente rigido e costoso, ed il nuovo pilastro deve essere l’assistenza domiciliare: emergono richieste di servizi domiciliari “leggeri”, dalla lavanderia alla consegna dei pasti, ma pure di luoghi di integrazione sociale per anziani, come i centri diurni. Ma ci sono ostacoli al cambiamento, tra cui la diversità di approccio tra soggetti aperti al mercato, come gli operatori privati profit e nonprofit – come gli enti Uneba- e soggetti che non operano in questa logica, come Ulss e Comuni.

Il cambiamento è necessario anche perchè i bisogni sanitari sono in aumento, con incremento delle malattie croniche e dei fabbisogni di controllo periodico, i servizi sociosanitari attuali lasciano insoddisfatti per la complicazione burocratica dell’accesso e la scarsa integrazione tra pubblico e privato.

Dal focus group svolto con personale di Oasi San Bonifacio e dalla collegata cooperativa Promozione Lavoro emergono come priorità anche:

  • informare meglio famiglie e anziani sulla rete dei servizi
  • migliorare il rapporto tra cittadini e servizi superando la frammentazione delle figure di riferimento
  • garantire informazione nella gestione delle emergenze post ospedaliere

 

Il 91% di un campione di dirigenti Ulss, sindaci, sindacati ed altre intervistati ritiene che gli individui e le famiglie debbano compartecipare alla spesa per i servizi: in base a criteri congiunti di salute, reddito e territorio per il 54%; solo per il reddito per il 33%.

indagine sui bisogni sanitari della popolazione delle province di verona e vicena

Scrivi un commento