sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Uneba Sardegna incontra l’assessore regionale a sanità e sociale Simona De Francisci

Primo incontro di Uneba Sardegna con il nuovo assessore a igiene, sanità ed assistenza sociale della Regione Sardegna Simona De Francisci, in carica dal 10 agosto.

L’incontro si terrà giovedì 13 ottobre alle 10 presso la Regione a Cagliari.

Il presidente regionale Uneba Bruno Vacca porterà all’attenzione dell’assessore De Francisci le problematiche aperte del settore. Ad esempio la situazione delle rsa, che in Sardegna registrano una forte presenza di anziani ad alto profilo assistenziale.

Basti pensare ad esempio che, come spiega Vacca, sui 65 posti letto della rsa dell’associato Fondazione Istituti Riuniti di Assistenza Sociale di Milis (Oristano), la gran parte è occupata da persone in coma o malati in stato terminale.

Di conseguenza elevato è il carico assistenziale richiesto alle rsa, con elevata presenza di personale sanitario in organico. A fronte di questa situazione, le tariffe pagate dalla Regione sono ferme dal 2006. Mentre i costi, come tutte le strutture Uneba ben sanno, continuano a crescere.

Uneba Sardegna porterà al tavolo di discussione con la Regione anche il rapporto tra rsa ed ospedali e la fornitura dei farmaci.

All’incontro del 13 ottobre è stata convocata la sola Uneba Sardegna: un segno di attenzione verso la nostra associazione, che del resto è la più rappresentativa sull’isola. Infatti, come rileva il presidente Vacca, 7 delle 12 Rsa sarde applicano il contratto Uneba. Le restanti quello delle cooperative sociali oppure quello Anaste.

Ad accompagnare Uneba Sardegna saranno solo le rappresentanze di due dei più grandi enti associati: oltre ad Iras anche la Fondazione Stefania Randazzo.

Pubblicheremo su www.uneba.org una relazione sui temi trattati sull’incontro dopo che questo si sarà svolto.

Per saperne di più –Intervista all’assessore Simona De Francisci: “caricare il sociale sul sanitario può essere una opportunità per mettere in atto delle fruttuose sinergie”

Scrivi un commento