sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Riforma del Terzo Settore: esame in commissione al Senato, sotto l’occhio vigile di Uneba

La Commissione  Affari Costituzionali del Senato ha impresso un ritmo veloce all’esame del disegno di legge 1870 di riforma del Terzo Settore, con ripetute sedute (l’ultima è stata giovedì 10 marzo) in cui è proceduto all’approvazione dei singoli articoli del testo.
 
Uneba è  presente e fa sentire la sua voce anche in questa fase del dibattito: il presidente nazionale Maurizio Giordano ha fatto avere al relatore del progetto di legge, il senatore Stefano Lepri del Partito Democratico, note sintetiche che riassumono il punto di vista di Uneba, elaborato nel confronto tra le federazioni regionali. 
 
E’ prevista per mercoledì 16 marzo la discussione del testo in aula al Senato. A quel punto si arriverà, presumibilmente, all’approvazione. Il testo passerà allora alla Camera, e servirà anche l’approvazione della Camera perché il disegno di legge diventi legge. Dopo l’eventuale approvazione della legge, bisognerà comunque attendere i relativi decreti perché ci siano effettive novità nella vita quotidiana di enti come gli enti Uneba, che sono per la stragrande maggioranza non profit.
 
Nel corso della discussione nella Commissione Affari Costituzionali il Governo ha presentato un emendamento che prevede l’istituzione della  “Fondazione Italia Sociale" “con lo scopo di sostenere, mediante l’apporto di risorse finanziarie e di competenze gestionali, la realizzazione e lo sviluppo di interventi innovativi caratterizzati dalla produzione di beni e servizi che, senza scopo di lucro, siano idonei a conseguire con un elevato impatto sociale e occupazionale”.
Iter parlamentare e testo integrale del disegno di legge di riforma del Terzo settore
Riforma del Terzo Settore: le proposte di Uneba e tutti gli articoli sul tema pubblicati sul sito

1 Commento presente

  1. In data 19 marzo 2016 alle 15:47 ferrari giovanni ha scritto:

    l’associazione nuovo buon pastore è onlus (essendo un ente di volontariato) e fornisce servizi al Comune di Genova (e ad altri) da sempre.
    Il Testo Unico del terzo settore della regione Liguria inserisce le associazioni di volontariato tra gli enti con cui l’ente pubblico fa convenzioni..
    C’è rischio che le cose cambino?

Scrivi un commento