sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Reddito di inclusione – Dal 1 gennaio 2018 nuova misura di contrasto alla povertà

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 29 agosto, in via definitiva, un decreto legislativo di attuazione della legge sul contrasto della povertà. Con questo decreto introduce, dal 1 gennaio 2018, il Reddito di inclusione (REI).
Viene riconosciuto ai nuclei familiari con:
  • Isee non superiore a 6.000 euro
  • valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro.

Hanno priorità per il Rei:

  • nuclei con figli minorenni o disabili
  • donne in stato di gravidanza
  • disoccupati ultra cinquantacinquenni

ll REI sarà concesso per un periodo continuativo non superiore a 18 mesi e sarà necessario che trascorrano almeno 6 mesi prima di richiederlo di nuovo.
Risorse a disposizione per il Rei:
  • 1,482 milioni nel 2018
  • 1,568 dal 2019
Lo stesso decreto istituisce presso il Ministero del Lavoro la “Rete della protezione e dell’inclusione sociale”, che è anche sede di dialogo con il Terzo Settore.
Per ogni persona o famiglia che accede al Rei è definito un progetto personalizzato  di attivazione e inclusione sociale e lavorativa.che comprende anche i servizi di cui la persona o famiglia ha bisogno, oltre al contributo economico. Ad esempio:
  • sostegno educativo domiciliare o territoriale
  • assistenza domiciliare e socioassistenziale
  • sostegno alla genitorialità
 Con l’arrivo del Rei, dal 1 gennaio 2018 non verranno più erogati Sia e Asdi.
Regioni e Province possono innalzare il reddito ai propri residenti, utilizzando risorse proprie.
Secondo l’Alleanza contro la povertà, di cui fanno parte tra gli altri Acli e Caritas, il Rei dà risposte insufficienti, e “raggiungerà una minoranza di poveri, fornendo risposte inadeguate nell’importo dei contributi economici e da verificare nei percorsi d’inclusione sociale”.
Ad oggi, secondo i calcoli dell’Alleanza, riceveranno il Rei solo 1,8 milioni di individui, cioè il 38% del totale della popolazione in povertà assoluta. Il 41% dei minori in povertà assoluta non sarà raggiunto dalla misura.
Secondo l’Istat in Italia vivono in povertà assoluta 4,75 milioni di persone, pari al 7,9% della popolazione complessiva.
Ecco il testo del decreto legislativo sul Rei come sottoposto al parere delle Camere (in attesa del testo definitivo in Gazzetta Ufficiale)

Scrivi un commento