sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Quindicimila minori in comunità di accoglienza, almeno un terzo è straniero, quasi il 60% è inserito con provvedimento giudiziario

Il rapporto “I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia” del gruppo Crc offre alcuni dati (del 2011 o 2012) sull’accoglienza di minori in comunità in Italia.

ALCUNI DATI IN SINTESI

Quasi quindicimila in comunità

Tra i bambini e ragazzi temporaneamente fuori dalla famiglia di origine, sono di più quelli in comunità di quelli in affido.

Nel dettaglio:

  • 29388 bambini e ragazzi fuori famiglia
  • 14991 in comunità
  • 14397 in affido

Non sono diminuite le accoglienze

I minori accolti in comunità erano 14781 nel 2010, 11543 nel 2005.

In comunità meno ragazze

I maschi sono divisi circa 50% e 50% tra comunità e affido, mentre quasi il 60% delle femmine èin affido.

14% degli inserimenti in comunità riguarda minori con meno di 5 anni

Più di 1000, ma i dati sono parziali, sono i ragazzi neo-maggiorenni ancora in comunità per un provvedimento di “prosieguo amministrativo”

58,5% degli inserimenti avviene in seguito a provvedimento dell’Autorità giudiziaria minorile

Minori stranieri non accompagnati

Al 31 /12 /2011 un terzo dei minorenni accolti in comunità era straniero (ma nelle comunità di Marche e Toscana sono più del 50%) e di questi stranieri, la metà erano minori non accompagnati. I minori stranieri non accompagnati erano più dell’80% del totale dei minori in Puglia, Basilicata, Campania e provincia di Trento. Questi dati sui non accompagnati sono probabilmente nettamente cambiati dopo l’arrivo di migliaia di minori dalla Libia con gli sbarchi, in corso nel 2014 e numerosi anche negli anni precedenti.

Cercasi standard per le comunità residenziali

Il Rapporto presenta le proprie richieste:

  • alla Conferenza Stato Regioni di definire gli standard essenziali per le diverse tipologie di comunità residenziali, a cui le singole normative regionali devono far riferimento
  • al Ministero del Lavoro di definire i livelli essenziali delle prestazioni in riferimento all’accoglienza residenziale
  • alla Presidenza del Consiglio dei Ministri di dotare le Procure della Repubblica per i Minorenni delle risorse necessarie al fine di rendere effettivo il monitoraggio costante circa la situazione dei minorenni in comunità,

Scrivi un commento