sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Papa Francesco al mondo dell’impresa: fate rete per valorizzare i doni di tutti

Ecco alcuni passaggi della riflessione proposta da Papa Francesco alle migliaia di imprenditori di Confindustria venuti in udienza in Vaticano per il Giubileo dell’Industria, uno degli appuntamenti del Giubileo della Misericordia.

COINVOLGERE GLI ANZIANI

“’Fare insieme’ è l’espressione che avete scelto come guida e orientamento (…) Nel complesso mondo dell’impresa, “fare insieme” significa investire in progetti che sappiano coinvolgere soggetti spesso dimenticati o trascurati. Tra questi, anzitutto, le famiglie e (…) le categorie più deboli e marginalizzate, come gli anziani, che potrebbero ancora esprimere risorse ed energie per una collaborazione attiva, eppure vengono troppo spesso scartati come inutili e improduttivi. (…)

FARE RETE

Tutte queste forze, insieme, possono fare la differenza per un’impresa che metta al centro la persona, la qualità delle sue relazioni, la verità del suo impegno a costruire un mondo più giusto, un mondo davvero di tutti. ‘Fare insieme’ vuol dire, infatti, impostare il lavoro non sul genio solitario di un individuo, ma sulla collaborazione di molti. Significa, in altri termini, ‘fare rete’ per valorizzare i doni di tutti, senza però trascurare l’unicità irripetibile di ciascuno.

IMPEGNO PER LA SICUREZZA

(…) Cari amici, voi avete ‘una nobile voca­zione orientata a produrre ricchezza e a migliora­re il mondo per tutti’ (Lett. enc. Laudato si’, 129); siete perciò chiamati ad essere costruttori del bene comune e artefici di un nuovo ‘umanesimo del lavoro’. Siete chiamati a tutelare la professionalità, e al tempo stesso a prestare attenzione alle condizioni in cui il lavoro si attua, perché non abbiano a verificarsi incidenti e situazioni di disagio.

DIGNITA’ DELLA PERSONA

La vostra via maestra sia sempre la giustizia, che rifiuta le scorciatoie delle raccomandazioni e dei favoritismi, e le deviazioni pericolose della disonestà e dei facili compromessi. La legge suprema sia in tutto l’attenzione alla dignità dell’altro, valore assoluto e indisponibile (…)

IL BENE COMUNE

Proprio il bene comune sia la bussola che orienta l’attività produttiva, perché cresca un’economia di tutti e per tutti, che non sia ‘insensibile allo sguardo dei bisognosi’ (Sir 4,1). Essa è davvero possibile, a patto che la semplice proclamazione della libertà eco­nomica non prevalga sulla concreta libertà dell’uomo e sui suoi diritti, che il mercato non sia un assoluto, ma onori le esigenze della giustizia e, in ultima analisi, della dignità della persona. Perché non c’è libertà senza giustizia e non c’è giustizia senza il rispetto della dignità di ciascuno”.

Leggi il testo integrale del discorso di Papa Francesco

Scrivi un commento