sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

I nuovi Lea, Livelli Essenziali di Assistenza. Ecco quali prestazioni sono garantite alle persone non autosufficienti

Ecco i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza.

Da tempo annunciati, da lungo approvati, sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del 18 marzo 2017.

Decreto del presidente del consiglio dei ministri 12 gennaio 2017 – Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza 

Le novità dei Lea – Leggi su Quotidianosanita’

Il decreto Lea stablisce, tra le altre cose, quali sono le prestazioni garantite a tutti riguardo all’assistenza sociosanitaria  residenziale e semiresidenziale a minori, disabili, persone con disturbi mentali, persone non autosufficienti, persone con dipendenze patologiche, malati in fase terminale.

Per quanto riguarda gli anziani non autosufficienti, il nuovo decreto, all’articolo 30, stabilisce che il Sistema sanitario nazionale garantisce

“trattamenti estensivi di cura e recupero funzionale a persone non autosufficienti con patologie che, pur non presentando particolari criticita’ e sintomi complessi, richiedono elevata tutela sanitaria con continuita’ assistenziale e presenza infermieristica sulle 24 ore”:(…)  “prestazioni professionali di tipo medico, infermieristico, riabilitativo e di riorientamento in ambiente protesico, e tutelare, accertamenti diagnostici, assistenza farmaceutica, fornitura dei preparati per nutrizione artificiale e dei dispositivi medici di cui agli articoli 11 e 17, educazione terapeutica al paziente e al caregiver” – interamente a carico del Ssn

“trattamenti di lungoassistenza, recupero e mantenimento funzionale, ivi compresi interventi di sollievo per chi assicura le cure, a persone non autosufficienti” (…): “prestazioni professionali di tipo medico, infermieristico, riabilitativo e di riorientamento in ambiente protesico, e tutelare, accertamenti diagnostici, assistenza farmaceutica e fornitura dei preparati per nutrizione artificiale e dei dispositivi medici di cui agli articoli 11 e 17, educazione terapeutica al paziente e al caregiver, con garanzia di continuita’ assistenziale, e da attivita’ di socializzazione e animazione” – 50% della tariffa giornaliera a carico del Ssn

“trattamenti di lungo assistenza, di recupero, di mantenimento funzionale, di riorientamento in ambiente protesico, ivi compresi interventi di sollievo, a persone con bassa necessità di tutela sanitaria” –  – 50% della tariffa giornaliera a carico del Ssn

Scrivi un commento