sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Emilia Romagna – Piano sociale e sanitario 2017-2019

La Regione Emilia Romagna ha un nuovo Piano Sociale e Sanitario, documento di programmazione politica nel settore, approvato dall’assemblea legislativa a partire da proposta della giunta.
A completare ed attuare le indicazioni del Piano saranno le Schede di intervento, che saranno approvate successivamente.
Testo del Piano Sociale Sanitario 
Iter di approvazione 
Approvazione Piano Sociale Sanitario: comunicato della Regione 
Ecco una sintesi di alcune delle indicazioni date dal Piano
Organizzazione del sistema
  1. Il Distretto (Azienda Sanitaria + Comuni o Unioni) come snodo per erogare in modo ancora più integrato i servizi sanitari, sociali e socio-sanitari.
  2.  Tavolo permanente di monitoraggio (da avviare) per verificare lo stato di attuazione degli interventi. Con Regione, enti locali, Ulss,sindacati, Terzo Settore.
 
Politiche per la prossimità e la domiciliarietà
1. sviluppo e potenziamento della collaborazione e del coordinamento tra i diversi servizi sociali, socio-sanitari e sanitari
  • importante  il ruolo di assistente sociale, medico di medicina generale, infermiere, educatore di strada, mediatore linguistico culturale
  • potenziamento e/o  riqualificazione di unità di valutazione multidimensionale e  lavoro in équipe
  • nuovi strumenti di integrazione socio-sanitaria come il budget di salute
2.servizi dedicati,  intermedi tra la casa e i servizi (residenziali e non)
  • educativa di strada, unità di strada,  centri per le famiglie,  centri adolescenza, “Dopo di noi”, appartamenti di transizione
3. responsabilità condivisa con i cittadini e le famiglie
  • PAI – Progetto assistenziale individualizzato
  • PEI – Progetto educativo individualizzato
. 4. servizi piu’ efficienti
  • razionalizzazione e, se possibile, integrazione dei diversi dispositivi di valutazione multidimensionale previsti nei differenti percorsi
  • logica pattizia nella costruzione del percorso individualizzato: condividere con i cittadini un percorso di assunzione reciproca di impegni e responsabilità, antidoto all’assistenzialismo.
 Politiche per la partecipazione dei cittadini : welfare comunitario
  • nuovo ruolo del Terzo settore: antenne sul bisogno e sulle risorse, luogo aggregativo e socializzante, strumento per coinvolgere i cittadini, anche quelli più fragili, in progetti a favore della comunità
  • formazione degli operatori al lavoro di comunità
  • adozione da parte delle istituzioni di metodi di programmazione e decisionali maggiormente partecipativi

Scrivi un commento