sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Ecco come il Terzo Settore può farsi ascoltare di più dalla politica

L’Agenzia del Terzo Settore ha pubblicato le “Linee guida sulla definizione di criteri e di modelli per la partecipazione del terzo settore alla determinazione delle politiche pubbliche a livello locale”.

Un tema di particolare rilevanza per Uneba, che, come associazione di categoria di enti del Terzo Settore, è chiamata, ad esempio con audizioni o richieste di pareri, a dare il suo contributo all’elaborazione legislativa nelle sedi istituzionali (ad esempio le commissioni consiliari regionali). Inoltre, come parte della sua mission, Uneba si impegna per rappresentare e tutelare gli associati nei loro rapporti con gli organi legislativi, governativi ed amministrativi e proporre ai competenti organi legislativi i provvedimenti utili ai fini di una equa politica sociale, oltre a promuovere la partecipazione alla programmazione ai diversi livelli ed in tutte le sue fasi.

Lo scopo di queste nuove “Linee guida” è innalzare a livello generale il livello di partecipazione del Terzo Settore e formalizzare i meccanismi di questa partecipazione. Cercando di estendere le materie in cui il Terzo Settore è coinvolto. La sua partecipazione, scrive l’Agenzia, dovrebbe “potersi rivolgere a tutti i provvedimenti idonei a influire negli ambiti in cui (il Terzo Settore) esso svolge la propria funzione”.

Alle amministrazioni pubbliche, inoltre, l’Agenzia con queste Linee Guida chiede di istituire un ufficio unico per i rapporti con il terzo settore, a competenza trasversale e non limitata al solo settore sociale.

Ciascuna amministrazione deve avere un proprio regolamento sulla partecipazione, che definisca gli obblighi di informazione alla cittadinanza.

Che si tratti partecipazione organica, procedimentale o diffusa (termini spiegati nel Glossario allegato alle Linee guida), il Terzo Settore “è chiamato ad intervenire in tutto il procedimento, o comunque in una fase in cui sia ancora possibile incidere sul contenuto dell’atto”. E dev’essere l’amministrazione pubblica a promuovere questo coinvolgimento.

Ma, aggiungono le Linee Guida, “occorre senz’altro favorire e potenziare la partecipazione del Terzo settore anche alla fase della valutazione degli esiti della partecipazione”.

Importante, rileva l’Agenzia, è la “creazione di sedi strutturate di partecipazione” del Terzo Settore. Meglio: un’unica sede organizzata di rappresentanza, con possibilità di composizione variabile a seconda dei temi affrontati che sia interpellata dall’amministrazione pubblica sia nei procedimenti legislativi che in quelli amministrativi.

Scrivi un commento