sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Di cosa parlano, quando parlano di disabilità

Il Censis ha realizzato la ricerca “La disabilità oltre l’invisibilità istituzionale” sulla percezione sociale della disabilità. La ha presentata con un convegno mercoledì 20 ottobre.

La ricerca del Censis è parte del progetto pluriennale “Centralità della persona e della famiglia nei sistemi sanitari: realtà o obiettivo da raggiungere?” avviato dalla Fondazione Cesare Serono.

Ecco una sintesi dei dati della ricerca tratti dal comunicato stampa ufficiale.

Sono 4,1 milioni le persone disabili che vivono in Italia, pari al 6,7% della popolazione.

IO E LE PERSONE CON DISABILITA’

Cosa provate verso le persone con disabilità?

91,3% degli intervistati dichiara di provare solidarietà verso i disabili

50,8% afferma di vivere il contatto con la disabilità con tranquillità ritenendola “normale”

14,2% afferma che il problema della disabilità non lo tocca

VITA DA DISABILE

Come vivono le persone con disabilità?

23,3% pensa che le persone con disabilità mentale non sono accettate e si ritrovano spesso discriminate e sole

10,7% pensa che le persone con disabilità sono accettate pienamente e nei loro confronti c’è disponibilità all’aiuto e al sostegno.

Che cos’è la disabilità?

62,9%: una limitazione del movimento

15,9%: ritardo mentale o demenza

2,9%: disabilità sensoriale

18,4%: più disabilità associate

I PREGIUDIZI

Da cosa è causata la disabilità?

68,7% pensa che la disabilità motoria negli adulti sia conseguenza di incidente

11,1% pensa che dipenda da una malattia neurologica: in realtà “la sclerosi multipla, l’ictus o la malattia di Parkinson hanno un peso rilevante nel determinare la disabilità nelle fasce d’età giovanili e adulte”

Down

55,7% ritiene (a torto) che le persone con sindrome di Down muoiano solitamente prima dei 40 anni

66% ritiene (a torto) che tutte le persone con sindrome di Down si assomigliano esteticamente e come carattere

Autismo

73% ritiene (a torto) che chi è affetto da autismo abbia una certa “genialità” nella matematica, nella musica, nell’arte

In generale, l’indagine evidenzia che le informazioni sulla disabilità appaiono spesso generiche e superficiali e i pregiudizi resistono.

Sono dati che vi sorprendono? Corrispondono a quello che verificate nella vostra esperienza quotidiana nelle strutture per persone con disabilità?

2 Commenti presenti

  1. In data 22 ottobre 2010 alle 11:58 Giovanna D'Ingianna ha scritto:

    i dati sopra descritti non mi sorprendono, anzi rinforzano quello che da sempre sostengo, vale a dire che vi è troppa ignoranza in merito a questo argomento e che il primo compito di un riabilitatore e/o di un operatore socio-sanitario è quello di informare correttamente le persone e di diffondere la cultura dell ‘essere “diversi” come forma di arricchimento della propria individualità, abbattendo le vere barriere architettoniche che sono dentro i nostri cuori.

  2. In data 23 ottobre 2010 alle 11:05 Giovanna D'Ingianna ha scritto:

    grazie per avere pubblicato il mio commento. Ne sono onorata e spero che con il mio impegno quotidiano possa contribuire a cambiare le cose. Sono anche convinta che in tanti crediamo che ciò avverrà, perchè l’amore verso gli altri, che sappiamo diffondere, “ingloberà” tutti. Anche i più “SORDI”. Saluti.

Scrivi un commento