sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Decreti legislativi del Jobs Act, ecco i testi e le sintesi

Jobs Act: trovate qui una sintesi ed il testo dei sei decreti legislativi del Jobs Act (che è una legge delega, dunque prevede decreti legislativi) approvati l’11 giugno 2015.

I decreti approvati in via definitiva riguardano:

  1. Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, vita e di lavoro (maternità, paternità, telelavoro...)
  2. Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (Cocopro, modifica delle mansioni, part time…) Riguardo a questo secondo decreto Uneba aveva diffuso già mesi fa suoi approfondimenti e le sue indicazioni agli enti, sui contratti di collaborazione, e sul part time.

Per i decreti approvati in via definitiva manca solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, previa firma del presidente della Repubblica Mattarella, e poi le disposizioni entreranno in vigore a tutti gli effetti.

I decreti approvati in via provvisoria, in attesa cioè di pareri e osservazioni delle Commissioni parlamentari competenti per materia, riguardano:

  1. Attività ispettiva in materia di lavoro e legislazione sociale
  2. Ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro (cassa integrazione, fondi di solidarietà)
  3. Servizi per il lavoro e politiche attive (albo degli enti di formazione professionale, lavoratore a rischio disoccupazione o con disoccupazione parziale…)
  4. Procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità (assunzione persone con disabilità, Libro unico del lavoro, salute e sicurezza sul lavoro, controllo a distanza dei lavoratori…)

Dopo l’acquisizione dei pareri ci sarà l’approvazione definitiva. Nel caso dei precedenti 2 decreti legislativi del Jobs Act, tra l’approvazione preliminare e la definitiva sono passati 4 mesi.

 Altri due decreti legislativi del Jobs Act sono in vigore già da marzo 2015: quelli sul contratto a tutele crescenti e quello sulla Naspi (disoccupazione)

Scrivi un commento