sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Calabria – Budget scarso e quota sociale non pagata: la Regione incontra Uneba e associazioni

Budget assegnati alle strutture inferiore a quello necessario per accogliere i pazienti che la Regione stessa chiede di accogliere.
Ritardi nei pagamenti della quota sociale.
Questi i problemi che con forza Uneba Calabria, assieme alle altre associazioni di categoria, ha ripetutamente presentato alla Regione Calabria e al presidente Oliverio in particolare.
Mercoledì 21 ci sarà una riunione tra Regione e delegati delle associazioni che potrebbe portare sviluppi positivi.  Lo annuncia il comunicato di Uneba Calabria qui di seguito.
COMUNICATO STAMPA DI UNEBA CALABRIA
Si riunisce mercoledì 21 dicembre al Dipartimento Salute della Regione Calabria il tavolo tecnico che dovrà integrare il budget 2016 delle strutture territoriali. La Regione ottempera alle richieste di un incontro delle associazioni rappresentative di tutte le strutture accreditate che, a seguito dei tetti di spesa mensili e all’adeguamento delle rette, si sono trovate con i pazienti ricoverati e il budget esaurito da metà novembre. 
La riunione arriva dopo un’istruttoria fatta da ogni singola Asp che ha inviato una commissione medica nelle singole strutture per verificare se i pazienti ricoverati dovevano continuare l’assistenza o potevano essere trasferiti a casa o in altre strutture. La ricognizione è stata effettuata in ottemperanza al Dca 26/2016 che prevedeva la verifica dei fabbisogni a giugno ed un adeguamento in caso di criticità.
Inoltre nella stessa riunione sarà verificato lo stato dei pagamenti della quota sociale delle strutture territoriali a partire dal fabbisogno 2016 e 2017.
Dalle verifiche tra gli associati Uneba, l’Asp di Catanzaro ha pagato la quota sociale fino a settembre, mentre le altre Asp sono in ritardo, la maggior parte ha pagato fino a febbraio. Infine il tavolo dovrà trovare una soluzione alla copertura della quota sociale per il periodo gennaio 2010 fino a dicembre 2014. 

Scrivi un commento