sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Agevolazioni tributarie e zero imposte dirette per i servizi alla persona – Le proposte di Uneba a Renzi

Ecco il contributo di Uneba alla proposta di riforma del terzo settore.

Anche Uneba, infatti, ha inviato al governo Renzi le proprie osservazioni sulle Linee Guida sulla riforma del terzo settore approvate il 12 maggio.

Potete leggere il testo qui sotto o qui.

Uneba propone in particolare che il regime tributario sia lo stesso per tutto il Terzo Settore, ma che ci siano maggiori agevolazioni tributarie, e l’esenzione dalle imposte dirette per una ristretta base di finalità istituzionali (…)di forte impatto di utilità sociale”.   ”Questo vale – spiega Uneba – particolarmente per gli organismi operanti nel settore dei servizi alla persona, che costituisce componente essenziale dello Stato sociale nella risposta personalizzata ai bisogni, presenza pressoché unica in situazioni di frontiera, fonte di risparmi per la finanza nazionale e locali, area di continuo sviluppo dell’occupazione”.

Per quanto riguarda la riforma del Codice civile, Uneba parte dall’assunto che “non può essere riservato alla persona giuridica privata di cui al Libro I un trattamento diverso rispetto al trattamento riservato alle persone giuridiche commerciali di cui al Libro V”.

Uneba afferma anche l’importanza di rafforzare il sistema di controlli alle fondazioni, mentre esprime perplessità “sulla introduzione generalizzata ed obbligatoria (del modello di impresa sociale: le Linee Guida lo incentivano) che comporta anche condizioni ed oneri non estensibili alla generalità del terzo settore”.

Uneba torna anche sull’inadeguatezza dell’accezione “modalità non commerciale”, un concetto estraneo alle organizzazioni senza scopo di lucro. E’ un esempio di come sia necessaria "una normativa snella, chiara ed applicabile alle migliaia di enti, spesso di piccole dimensioni e di risorse finanziarie e professionali limitate e con il determinante concorso di operatori volontari".

Uneba chiede infine che prima dell’approvazione da parte del Consiglio dei ministri (prevista per il 27 giugno) del progetto di legge, una sua sintesi sia inviata alle realtà del terzo settore, per poter dare una valutazione più fondata di quella basata sulle sole Linee Guida.

Scrivi un commento