sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

ADI, grandi differenze tra le Regioni

Solo il 2,7% degli ultrasessantacinquenni italiani con patologie croniche riceve assistenza domiciliare a lungo termine: 370 mila persone su 3 milioni.
L’organizzazione dell’assistenza domiciliare è assai eterogenea a seconda delle Regioni sotto molti aspetti:
  • ore di assistenza offerte
  • presenza di operatori privati non profit e profit
  • modalità gestionali e di erogazione
  • carico assistenziale medio dell’assistito
  • costi
 
Piuttosto standardizzata appare invece la gamma delle prestazioni offerte: generalmente prevalgono gli interventi infermieristici seguiti dai trattamenti riabilitativi. Meno frequenti le prestazioni mediche.
Ad esempio, si va da 0,4 persone in assistenza domiciliare ogni 100 ultra65enni in Val d’Aosta a 42, in Emilia Romagna.
Tra 2013 e 2014 sono aumentate del 38% le persone in ADI in tutta Italia, ma sono calate le ore medie di assistenza.
COSTI ED ECONOMIE DI SCALA
L’ADI incide sullo 0,7% della spesa sanitaria in Valle d’Aosta, ma arriva al 6,2% in Friuli Venezia Giulia. La media nazionale è del 2,4%.
“Il costo annuo per assistito a domicilio- sintetizza il presidente di Italia Longeva Roberto Bernabei- non cresce in maniera proporzionale al numero di ore dedicate a ogni paziente: al di sopra di una certa soglia diminuiscono le successive richieste di assistenza e quindi sembra innescarsi un’economia di scala, che fa decrescere i costi marginali. In altre parole, al di sopra di un certo numero di ore ‘di qualità’, che devono essere considerate quelle ottimali, gli anziani iniziano a stare meglio”.
I dati fin qui presentati arrivano dal Ministero della Salute, rielaborati nella ricerca di Italia Longeva “La babele dell’assistenza domiciliare in Italia: chi la fa, come si fa” che potete scaricare da qui.
Il rapporto analizza nel dettaglio le modalità dell’assistenza domiciliare in 12 aziende sanitarie di 12 regioni e l’attuazione dell’integrazione sociosanitaria.
UNEBA E L’ASSISTENZA DOMICILIARE
Il rapporto è stato presentato in occasione della manifestazione Long Term Care Two, la seconda edizione degli Stati Generali dedicati all’assistenza a lungo termine, cui ha partecipato anche Uneba.
Uneba partecipa anche al Tavolo sull’assistenza domiciliare integrata voluto dal Ministero della Salute: la nostra associazione ha proposto di valorizzare il Terzo Settore quale affidatario preferenziale dei servizi, in coerenza con quanto prevede la Riforma del Terzo Settore.
Leggi tutti gli articoli di www.uneba.org sull’assistenza domiciliare

Scrivi un commento